Cultura e tradizioni

La tradizione dell’hammam

Per apprezzare una visita a Tunisi in tutte le sue sfaccettature bisognerebbe anche provare alcune delle esperienze culturali tipiche offerte dal Paese. Tra queste, una delle tradizioni più diffuse, è quella dei bagni turchi, più conosciuti come hammam, veri templi del relax. Un tempo gli hammam erano l’unico posto per lavarsi e da sempre hanno fatto parte della cultura locale. L’hammam infatti è uno dei rituali preferiti dai tunisini che almeno una volta a settimana vi si recano per godere di qualche ora di relax. Questi luoghi sono frequentati anche in occasione dei matrimoni per purificarsi prima del grande giorno.
Da notare che gli hammam esistono per donne e per uomini separatamente, oppure sono aperti agli uomini la mattina e la sera e per le donne nel pomeriggio. Hammammisti si trovano solo negli hotel.

All’interno dell’hammam, in generale, ci si può rimanere il tempo che si desidera e il prezzo non è calcolato sulle ore di permanenza. La tariffa in un hammam tradizionale non supera i 3 euro, in quelli più nuovi le tariffe sono decisamente più alte.
Gli hammam più antichi sono concentrati nella medina della città, come l’Hammam Kachachine, risalente al periodo ottomano e riconoscibile dalla sua porta a strisce nere, verdi e rosse. L’Hammam Kachachine è considerato un vero e proprio tempio del benessere imperdibile per chi pianifica una visita a Tunisi.

Potrebbero interesarti anche

Kafon rapper tunisino che canta la cultura inclusiva senza distinzioni di razza

admin

Mashrabiya (balcone arabo)

admin

I simboli dell’amore nella cultura berbera

admin

Leave a Comment